L’occhio è un organo estremamente sofisticato e talora l’esistenza di una piccola imperfezione anatomica a livello della cornea o del bulbo oculare, può generare dei difetti visivi noti come difetti refrattivi, quali la miopia, l’ipermetropia e l’astigmatismo.  Per correggere tali difetti, dopo accurati controlli ed indagini, vengono usate tre tecniche, ma da recenti studi la più efficiente e meno invasiva risulta essere la PRK CON FEMTOLASER.

IN COSA CONSISTE?

immagine-dal-web-femtolaser-femtolasik-centro-oculistico-del-re

Fonte: dal web

  1. Si taglia la cornea creando una sorta di “sportellino” (detto anche flap). Quest’azione si può compiere con un bisturi di precisione chiamato microcheratomo oppure con il laser ultrarapido ad alta precisione (FEMTOLASER).
  2. Si modella la superficie corneale applicando il laser ad eccimeri sullo strato intermedio della cornea (PRK). Questo procedimento dura dai 5 ai 45 secondi.
  3. Si riposiziona il flap che si risalderà senza alcun punto di sutura.

I vantaggi di questa tecnica rispetto alle altre procedure sono il recupero visivo rapido e l’assenza di dolore durante il decorso post-operatorio.

Per informazioni  e per appuntamento telefonare al Centro Oculistico Del Re:
089.22 15 97 – 089. 22 89 48 – 338 4529098 oppure utilizzare il sistema di prenotazione on line.

 


Quali sono le tecniche che permettono di correggere i difetti di refrazione col laser?

APPROFONDISCI LEGGI CHIRURUGIA REFRATTIVA

 

 

Attachment

  • immagine-dal-web-femtolaser-femtolasik-centro-oculistico-del-re